Passaggio Generazionale

Passaggio Generazionale

La responsabilità principale di un imprenditore non è solo quella di garantire la gestione dell’impresa nel presente ma, soprattutto, garantirne la prosecuzione nel tempo. Questo è fondamentale anche in considerazione del fatto che le componenti personali dell’impresa, sia interne che esterne, al fine di poter contribuire al meglio, devono poter percepire che il rapporto con l’impresa non ha una durata limitata nel tempo, bensì una prospettiva futura.

Gestire il trasferimento del patrimonio in modo efficiente e strutturato oltre che indispensabile per assicurare la sopravvivenza di un’attività imprenditoriale, come anche la sua stabilità e il suo ulteriore sviluppo nel tempo, è quindi anche un “dovere sociale” per l’imprenditore “illuminato”.

Data la peculiarità del tessuto produttivo ed economico italiano, composto per la maggior parte da realtà imprenditoriali di piccole e medie dimensioni, spesso a conduzione familiare, il tema del passaggio o ricambio generazionale sta assumendo sempre più rilevanza, anche perché molte imprese sono infatti sorte nel periodo del primo boom economico e si trovano ora a confrontarsi con il delicato momento della cessione della funzione imprenditoriale dai fondatori alle seconde o terze generazioni successive.

Quando si parla di ricambio generazionale si intende appunto quel processo che conduce al passaggio di capitale, e talvolta di responsabilità gestionale, dalla generazione presente a quella emergente, al fine di garantire la continuità dell’impresa.
Il passaggio generazionale inteso in senso lato, comunque, non si esplica solamente all’interno della famiglia, ma può riguardare anche persone estranee all’ambito familiare (cosiddette “key people”) che comunque possono appartenere al management aziendale ed hanno mostrato interesse per la prosecuzione dell’azienda, sviluppato senso di responsabilità e mostrato capacità di azione.

Tale ricambio generazionale si rivela spesso difficile, in alcuni casi traumatico, poiché non attiene solo alla dimensione economico-finanziaria o di mera successione al vertice dell’impresa, bensì coinvolge anche dinamiche di tipo relazionale e familiare. Un ulteriore livello di complessità è dato poi dal fatto che al trasferimento delle quote e delle cariche si accompagna – o quantomeno dovrebbe accompagnarsi – la trasmissione del patrimonio di conoscenze e competenze aziendali accumulate negli anni, nonché la condivisione dei valori fondanti l’impresa. Appare quindi evidente che affidare tale accadimento all’improvvisazione aumenta il rischio di generare effetti destabilizzanti e potenzialmente distruttivi per l’impresa.

Il nostro obiettivo consiste, in qualità di “consulente d’impresa”, nell'intervento atto ad agevolare il passaggio, favorendo in primis la comunicazione tra generazioni diverse e poi attraverso il supporto all'introduzione di sistemi di gestione e di controllo che codifichino le esperienze di chi ha governato l'azienda ed aiutino, quindi, il successore a proseguire autonomamente l'attività.

Tale intervento si realizza attraverso:

  1. un’analisi del sistema famiglia-impresa o imprenditore-impresa, al fine dell’individuazione di possibili criticità delle relazioni esistenti
  2. l'individuazione dei punti di forza e di debolezza dell'impresa, nonché l'analisi del relativo posizionamento nel mercato, per individuare le possibili strategie di sviluppo
  3. l'affiancamento all'Imprenditore e al Successore nel periodo di transizione
  4. se necessario, l'introduzione di un "temporary manager" d'esperienza che affianchi un familiare e/o una “key people” da avviare e da far crescere, nella prospettiva della successione.

Per l’esecuzione dell’intervento ci avvaliamo di vari istituti giuridici previsti dalla normativa codicistica dal trust, alle holding e sub holding di famiglia fino al più recente “patto di famiglia” che possono risultare idonei alla trasmissione del patrimonio.
Nel passaggio generazionale è necessario altresì analizzare con attenzione tutti gli aspetti giuridici, legali e fiscali connessi alla revisione dell’assetto proprietario e, se necessario, l’eventuale utilizzo della leva finanziaria, perché sempre più spesso il momento del passaggio generazionale coincide con la ridefinizione della strategia aziendale.
Assume quindi un’importa fondamentale la pianificazione e la programmazione del processo di passaggio generazionale seguendo quelli che possono essere definiti come i principi da seguire dalle imprese, specialmente quelle a carattere familiare.
È qui che noi interveniamo, supportiamo le imprese attraverso questo processo di programmazione di governo del passaggio generazionale.

Richiedi la tua consulenza

Siamo a disposizione per offrirti una consulenza personalizzata in grado di soddisfare le tue esigenze. Contattaci e ti contatteremo il prima possibile.